Schermata 2013-10-31 alle 15.00.53Da settant’ anni il Centro di Studi Americani opera in Italia come punto di incontro delle culture americana e italiana. 


Studiosi, rappresentanti della politica e dell’economia dei due paesi, ma anche altri specialisti provenienti da tutto il mondo si sono incontrati nelle prestigiose sale del Centro Studi, nel Palazzo Antici Mattei, offrendo ai tanti italiani e americani interessati spunti di riflessione e occasioni per approfondire gli aspetti caratterizzanti la cultura nord-americana.


La Biblioteca


La biblioteca del Centro Studi Americani è una delle più importanti d’ Europa ed è la più ricca con i suoi volumi del Seicento e Settecento. Il suo Archivio è stato riconosciuto di interesse storico-nazionale dal Ministero dei Beni Culturali.


Organizzata con i metodi più moderni, la Biblioteca offre la possibilità di accedere alle principali pubblicazioni di letteratura, storia, affari internazionali, politica, arte. Gli iscritti possono consultare il catalogo on line, ottenere prestiti ed avere accesso a numerosi database specialistici.


Centro di Cultura


Il CSA è un punto di incontro tra la cultura e la politica di Stati Uniti e Italia. Luogo privilegiato per lo scambio tra i due paesi fin dall’inizio del XX secolo, il Centro ospita scrittori, artisti, e studiosi americani ed italiani per incontri con il pubblico e la stampa.


L’istituto promuove e realizza seminari e convegni, anche in collaborazione con altre istituzioni, su tutti i temi culturali, politici ed economici riguardanti gli Stati Uniti d’ America e le sue relazioni con l’Italia e l’Europa. Forte di una biblioteca di oltre 80.000 volumi e di una piattaforma di database di particolare efficacia rappresenta un osservatorio privilegiato sugli Stati Uniti d’America.


Sede


Sede del Centro Studi Americani è il piano nobile del Palazzo Antici Mattei, uno degli esempi più prestigiosi della Roma seicentesca, costruito da Carlo Maderno tra il 1598 e il 1618.
Le sue sale sono affrescate da pittori toscani e fiamminghi del primo ‘600, tra cui il Domenichino, Pietro da Cortona, il Pomarancio e Albani.










Chiusure Biblioteca:


        8 luglio, dalle h 14:00


     22 luglio, dalle h 14:00




I nostri Partners