Bce, Signorini: se dati in linea con attese altri tagli ai tassi

Roma, 24 giu. (askanews) – Nell’area euro “l’inflazione è rapidamente diminuita e l’intonazione della politica monetaria è divenuta meno restrittiva. Dopo nove mesi in cui i tassi di interesse della Banca centrale europea erano rimasti fermi, all’inizio di giugno il Consiglio direttivo della Bce ha deciso una riduzione di 25 punti base; ha confermato che nelle decisioni future la banca centrale seguirà un approccio guidato dai dati. Come ha recentemente affermato il governatore della Banca d’Italia (Fabio Panetta), se nei prossimi mesi i dati risulteranno coerenti con le attuali previsioni, si profila un ulteriore allentamento delle condizioni monetarie”. Lo ha affermato il presidente dell’Ivass, Luigi Federico Signorini, che è anche direttore generale di Bankitalia, nelle sue considerazioni alla Relazione annuale dell’autorità sulle assicurazioni.