Elezioni 2022, bozza programma centrodestra: i punti

(Adnkronos) – “Italia, a pieno titolo parte dell’Europa, dell’Alleanza Atlantica e dell’Occidente. Più Italia in Europa più Europa nel Mondo”. A quanto risulta è questo il primo punto, dei 15 previsti, nella bozza del programma elettorale del centrodestra, messo a punto, in vista del via libera dei vertici del centrodestra, atteso nei prossimi giorni. Si tratta – a quanto si apprende da fonti parlamentari – di un testo ancora passibile di modifiche, che verrà ulteriormente limato da qui a martedì, in una riunione conclusiva del tavolo.  

Nel dettaglio, nel testo visionato dall’AdnKronos nella sua ultima versione dal titolo ‘Programma quadro per un Governo di centrodestra’ si prevede il “Rispetto delle alleanze internazionali e rafforzamento del ruolo diplomatico dell’Italia nel contesto geopolitico; Rispetto degli impegni assunti nell’Alleanza Atlantica, anche in merito all’adeguamento degli stanziamenti per la difesa, sostegno all’Ucraina di fronte all’invasione della Federazione Russa e sostegno ad ogni iniziativa diplomatica volta alla soluzione del conflitto. Piena adesione al processo di integrazione europea, con la prospettiva di un’Unione europea più politica e meno burocratica”. 

Nella bozza anche un nuovo piano di contrasto alla pandemia Covid. Si prevede infatti al punto sette (Tutela della salute) “il contrasto alla pandemia di Covid-19 attraverso la promozione di comportamenti virtuosi e adeguamenti strutturali – come la ventilazione meccanica controllata e il potenziamento dei trasporti – senza compressione delle libertà individuali secondo il principio del convincere per non costringere”. 

Al punto 11 (“sfida autosufficienza energetica”) si legge: “Ricorso alla produzione energetica attraverso la creazione di impianti di ultima generazione, compreso il nucleare pulito e sicuro, senza veti preconcetti”. “Transizione energetica sostenibile attraverso l’aumento della produzione dell’energia rinnovabile; Diversificazione degli approvvigionamenti energetici e realizzazione di un piano per l’autosufficienza energetica; Pieno utilizzo delle risorse energetiche nazionali, anche attraverso la riattivazione e nuova realizzazione di pozzi di gas naturale, in un’ottica di utilizzo sostenibile delle fonti energetiche”, sono poi gli altri punti.