Nasce l’Argentario Jazz Festival, si parte con Cammariere il 6 luglio

Roma, 20 giu. (askanews) – Sergio Cammariere inaugurerà il 6 luglio la prima edizione dell’Argentario Jazz Festival, come annunciato in conferenza stampa al Forte Stella, nei pressi di Porto Ercole, Monte Argentario (Grosseto).

Alla conferenza stampa – a cui hanno partecipato l’assessora al Turismo, Cultura, Sport e Commercio Chiara Orsini, il Presidente della Pro Loco di Porto Ercole Anselmo Sabatini e il direttore artistico Claudio Rizzo – è stato presentato il cartellone con gli eventi principali della stagione, a partire dalla nascita della prima edizione dell’Argentario Jazz Festival, realizzato da TIC Toscana Iniziative Creative, presieduta da Amalia Porrazzini. La rassegna è composta da quattro appuntamenti, che si svolgeranno a piazza Santa Barbara ad ingresso gratuito, con alcuni degli artisti più conosciuti a livello nazionale ed internazionale.

Dopo l’apertura di Cammariere, il 22 agosto sarà il turno di Rita Marcotulli, tra le più pianiste più affermate ed apprezzate a livello internazionale, il 23 agosto sarà in scena Roberto Gatto, una leggenda della batteria jazz nel mondo e non solo, mentre il 26 agosto a chiudere la rassegna è chiamato il trombettista Fabrizio Bosso, in quartetto con il progetto “We Wonder”, omaggio al genio musicale di Stevie Wonder.

“L’Argentario merita artisti di questo calibro e siamo felici di poter inaugurare un Festival che vogliamo far proseguire nel temo”, ha commentato il direttore artistico Claudio Rizzo.

Ma non solo musica. Porto Ercole si tinge d’arte con una tre giorni interamente dedicata a uno dei pittori più celebri che hanno segnato la fine del 1500 e l’inizio del 1600: Michelangelo Merisi, più conosciuto con lo pseudonimo di Caravaggio, artista fortemente legato al territorio e alla città dove trascorse l’ultimo periodo della sua vita.

Per questo nella ricorrenza della sua morte, la città celebra Caravaggio con talk, dialoghi e teatro durante il “Festival del Caravaggio”.

“Porto Ercole vivrà un’estate ricca di eventi straordinari che siamo onorati di poter supportare come amministrazione locale”, ha dichiarato l’assessora Chiara Orsini.

Giovedì 18 luglio si inaugura la tre giorni con una rappresentazione “Tableaux Vivant” che porta in scena le opere più note del pittore facendole rivivere attraverso il teatro.

Il 19 luglio è il giorno dedicato all’incontro tra importanti autori e studiosi d’arte: la giornalista de la Repubblica Vania Colasanti, presso l’Orto Botanico Corsini presenterà il suo ultimo lavoro “Inseguendo Caravaggio. Nei suoi luoghi e nei suoi quadri” edito da Baldini + Castoldi, e lo farà dialogando con Costantino D’Orazio, storico dell’arte e saggista, anche lui autore di vari testi sul Merisi come “Caravaggio Segreto. I misteri nascosti nei suoi capolavori” e “Mistero Caravaggio” per citarne alcuni.

A concludere la tre giorni, avrà luogo un talk tra tecnici e addetti ai lavori del mondo dell’arte il 20 luglio.

Un bel fuori programma è l’omaggio all’immenso Franco Califano il 5 agosto con la storica band che ha collaborato con il cantautore guidata da Alberto Laurenti, produttore artistico e arrangiatore al fianco di Califano per trent’anni.