Orban scrive a Michel dopo visita a Mosca, Ue lanci iniziativa pace

Roma, 10 lug. (askanews) – Dopo le polemiche suscitate dalla visita del premier Ungherese e presidente per il semestre Ue Viktor Orban, lo stesso Orban ha scritto una lettera in nove punti al presidente del Consiglio Ue Charles Michel e ai Capi di Stato e di governo degli Stati membri dell’Unione europea di cui Askanews ha preso visione. Nella lettera Orban ribadisce che nel suo viaggio a Mosca non ha mai preteso di parlare a nome della Ue (“non ho presentato alcuna proposta e non ho espresso alcun parere a nome del Consiglio europeo o dell’Unione Europea”). Orban sottolinea anche un punto: “La leadership politica fornita da parte degli Stati Uniti è limitata, a causa della campagna elettorale in corso, pertanto non possiamo aspettarci che nel prossimo futuro arrivino proposte del genere da parte degli Stati Uniti . Dovremmo considerare – nello spirito dell’autonomia strategica europea – l’opportunità di lanciare un’iniziativa europea”.

A: Il presidente del Consiglio europeo Shusha, 5 luglio 2024 Caro Presidente, Di seguito trovate un riassunto dei miei colloqui con il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, il 5 luglio 2024 a Mosca.

1. Questo è stato il secondo incontro personale a Mosca tra il Presidente della Federazione Russa e il capo del governo di uno Stato membro dell’UE dall’inizio delle ostilità aperte nel febbraio 2022, a seguito della visita del Cancelliere d’Austria nell’aprile 2022.

2. I nostri colloqui, proprio come a Kiev con il presidente Zelensky, sono serviti allo scopo di conoscere in prima persona la posizione del Presidente sui vari temi importante dal punto di vista della pace. Di conseguenza, non ho presentato alcuna proposta e non ho espresso alcun parere a nome del Consiglio europeo o dell’Unione Europea. Le varie dichiarazioni e osservazioni critiche che hanno circolato nei giorni scorsi e suggeriscono il contrario sono infondate.

3. L’interpretazione del presidente russo della situazione attuale in prima linea differisce sostanzialmente da quella del presidente Zelensky: secondo i russi il tempo non è dalla parte dell’Ucraina, ma dalla parte delle forze russe. Il presidente Putin non ha fatto alcun riferimento alle vittime russe. Per quanto riguarda le perdite ucraine, la parte russa stima le perdite mensili e vittime delle forze ucraine tra 40-50 mila soldati, un dato che si è ulteriormente intensificato nelle ultime settimane. Pertanto il presidente della Russia era sorpreso dal fatto che il presidente dell’Ucraina abbia rifiutato un temporaneo cessate il fuoco. Secondo il presidente della Russia, sono pronti a prendere in considerazione qualsiasi proposta di cessate il fuoco che non serva alla ricollocazione nascosta e riorganizzazione delle forze ucraine.

4. Per quanto riguarda la formula di pace presentata dal presidente Zelensky, il presidente della Russia ha sottolineato che la Russia ritiene ancora rilevante il documento consegnato durante i colloqui di pace dell’aprile 2022 svoltisi nel Türkiye, in particolare il quinto paragrafo del documento che specifica le garanzie di sicurezza internazionali da concedere all’Ucraina. Presumo che tali documenti potranno esservi forniti su richiesta dell’organo competente dell’UE.

5. La proposta di pace cino-brasiliana è all’esame dei russi e loro sono pronti a scambiare opinioni al riguardo, a condizione che il quadro dei colloqui di pace sia appropriato. I russi sono disposti a considerare la loro partecipazione ai colloqui di pace solo in un contesto dove entrambe le parti coinvolte nella guerra siano presenti. Ciò coincide con la posizione che mi ha espresso il presidente Zelenskyj, secondo cui i successivi colloqui di pace dovranno includere la Russia.

6. Abbiamo scambiato opinioni su come il Presidente della Russia vede l’architettura della sicurezza europea nel dopoguerra. Putin ha sottolineato che su questo la Federazione russa ha piani dettagliati.

7. Durante il nostro incontro ho espresso l’opinione che lo sviluppo dell’Europa nei decenni passati è dipeso in gran parte della pace, una pace che oggi è in pericolo. C’è una una guerra atroce che infuria nei paesi vicini orientali dell’Unione Europea e Ungheria; vediamo l’accumulo di pericolose capacità militari. Gli effetti economici negativi della guerra gravano pesantemente sulla vita quotidiana vita dei nostri cittadini e sulla competitività dell’UE. Molti lo sostengono È nell’interesse dell’Europa ritornare a un periodo di crescita economica basata su una pace duratura quanto prima. La possibilità di pace è diminuita dal fatto che i canali diplomatici sono bloccati e non esiste un dialogo diretto tra le parti che hanno un ruolo guida da svolgere nella creazione delle condizioni per la pace.

8. Sulla base dei miei colloqui, credo che ora ci siano maggiori possibilità per un’accoglienza positiva nei confronti di tutte le possibili proposte per un cessate il fuoco e per una tabella di marcia verso la pace . Il tempo è un fattore decisivo alla luce degli scontri sempre più intensi e il rapido aumento delle vittime umane. Se non possiamo fermare questo processo, allora nei prossimi due mesi assisteremo a perdite militari e militari ancora più drammatiche . La leadership politica fornita da parte degli Stati Uniti è limitata, a causa della campagna elettorale in corso, pertanto non possiamo aspettarci che nel prossimo futuro arrivino proposte del genere da parte degli Stati Uniti . Dovremmo considerare – nello spirito dell’autonomia strategica europea – l’opportunità di lanciare un’iniziativa europea.

9. Continuerò i miei colloqui volti a chiarire le opportunità per la pace nei prossimi momenti settimana. Cordiali saluti, Viktor ORBÁN Cc: Capi di Stato e di governo degli Stati membri dell’Unione europea